Fondazione Etica ed Economia | Fondazione Etica Economia | Imprese e territori per l'innovazione sociale
Formazione di amministratori pubblici, imprenditori, e cittadini sui temi della Sostenibilità dei processi di Innovazione Sociale. Lo studio, la pianificazione e l’implementazione di nuove soluzioni di welfare territoriale. L’incubazione di imprese ibride, sociali, e di cooperative di comunità e imprese benefit.
Valori Culturali,Valori sociali,Progettuale,Imprese,Enti,Fondazioni,Scuole,Risorse,Solidarietà,internazionale ,Convegni,Forum,Master,Capacità imprenditoriali,Villaggi,impresa,Globalizzazione,Solidarietà,sociale,Sviluppo,Bene comune,Internazionalizzazzione,Bene comune,Sussidiarietà,Integralità,Uomo,Attività economica,Criteri etici,Trasparenza,Efficienza,Sviluppo comunità
16659
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-16659,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Imprese e territori per l’innovazione sociale

L’espressione Innovazione Sociale è diventata sinonimo di nuove modalità di gestione dei beni collettivi, attraverso la realizzazione di partenariati pubblico-privati, la costituzione di nuove forme di impresa ibrida e l’approfondimento dei modelli di gestione orizzontali che coinvolgano enti locali, imprese, comunità.

Co-working, Fab lab, Creative commons, Makers, Co-opetition, Tag-garden, Hub, Impact investment, Crowdfunding e Smart communities sono alcune delle idee e iniziative che testimoniano la presenza di una forza collettiva, che nasce dal basso, e che, “trova la sua ragione nelle lacune delle istituzioni, spesso in territori dimenticati e degradati, e lì si riempie di bellezza, grazie all’unicità delle intelligenze che la alimentano”.

La fondazione intende modelli ibridi d’impresa in grado di riconoscere e rigenerare i “beni comuni” di un territorio, sviluppare filiere complementari di piccole e medi imprese, che operino nel settore del Made in Italy, moltiplicare gli scambi tra organizzazioni profit e no-profit per perseguire obiettivi di pubblica utilità, alcuni esempi possono rendere più chiaro il concetto:

 

  • Community Hub: sono spazi dove si processano in modalità condivisa le sfide che la società globale propone.

 

  • Nuovo welfare: incrociare le piattaforme di Sharing economy per favorire l’empowerment dei beneficiari.

 

  • Coworking: accompagnamento all’imprenditoria attraverso l’erogazione di “servizi reali” e gestione in senso mutualistico degli spazi.

 

  • New Social Housing: rigenerazione di infrastrutture sociali per la coesione, l’accoglienza, l’educazione.